Bnedak

11 febbraio 2018Valentina
Blog post

Prep time: 10 minutes

Cook time: 15 minutes

Serves: 4

Durante il mio viaggio in Tunisia, e nello specifico durante un tour alla scoperta della parte della Tunisia non turistica, l’autista che ci portava in giro, ogni giorno alla stessa ora fermava l’autobus ovunque fossimo per rifocillarsi e soprattutto bere. Eravamo in pieno Ramadan, e mentre noi, arsi dal caldo e dalla sete, davamo fondo alle provviste di acqua e bevande, lui ci guardava senza poter toccare alcunchè. Ma quando la giornata finiva e finiva il divieto di mangiare e bere, non sentiva ragioni. Si fermava, mangiava subito un paio di datteri ed entrava in supermercati allestiti alla meno peggio e noi aspettavamo che si rimettesse in sesto e in forze.

Un giorno feci un giro insieme ai miei compagni di viaggio in uno di questi supermercati, acquistai dei datteri ed alcune miscele di spezie locali, ma mi incuriosii a guardare barattoli colmi di olio pieni di cose che a me sembravano polpette. Non parlo il francese, ma me ne andai per un senso, c’era scritto Boulettes de Viande, Bnedak… boulette, polpette, erano sul serio polpette, fritte e messe sott’olio. E mi trovai sorpresa a pensare che mentre noi mettiamo sott’olio melanzane, funghi e verdure in generale, loro ci mettono la carne. Mi sembrò però meno strano quando pensai che tutto sommato noi conserviamo sott’olio il tonno.

Ripartii ma non riuscii ad avere la ricetta di queste polpette.

Giorni fa mettevo ordine nella mia libreria sezione cucina (che conta quasi 300 libri) e mi capitò per le mani un libro di raccolta delle polpette del mondo, tra cui anche quelle dell’Ikea, e con somma sopresa le Bnedak erano lì. Senza alcuna storia, senza alcuna spiegazione circa le origini o l’usanza di conservazione di queste polpette sott’olio, ho trovato la ricetta.

Ho anche fatto delle ricerche in internet, ma non ho trovato altro che questo:

Recette Bnedak

Ingrédients
300g de viande de boeuf hachée
1/4 L d’huile d’olive 
1 c.à.s de menthe sèche (nanah)
1/2 c.à.s de coriandre moulue
1/2 c.à.s de harissa diari
1c à café de carvi
1/2 c. à café de poudre de piment rouge
1/4 c. à café de poivre noir
8 gousses d’ail
1 c.à.c de curcuma
2/3 c.à.c de poivre
1 c.à.s de sel

Préparation
Bien mélanger tous les ingrédients à la main.
Façonner de petites boulettes de la même taille.
Chauffer l’huile et y faire dorer les boulettes.
Couvrir d’eau et laisser cuire à petit feu 45 à 60 minutes, jusqu’à ce que toute l’eau s’évapore.
Conservez les boulettes dans un récipient en verre hermétique avec son huile de cuisson.

8 spicchi di aglio? OTTO? Giammai. Le altre spezie in casa le avevo tutte, e così le ho preparate, diminuendo a tre gli spicchi di aglio, e utilizzando olio nuovo per la conservazione, niente affatto l’olio di cottura! Nella scheda ricetta le polpette come le ho preparate io.

Print Recipe

Bnedak

  • Prep time: 10 minutes
  • Cook time: 15 minutes
  • Total time: 30 minutes
  • Serves: 4

Polpette di vitello, molto speziate e profumate all'aglio, da conservare sott'olio (se riuscite a non mangiarle tutte).

Ingredienti

  • 400 grammi di Macinato di Vitello
  • 3 spicchi di Aglio
  • 1 cucchiaino di Harissa
  • 1 punta di cucchiaino di Coriandolo in polvere
  • 1 cucchiaino di Cumino in semi, macinati a mortaio
  • 1 pizzico di Peperoncino in polvere
  • 1 cucchiaio di Menta Nanah essiccata
  • 1 punta di cucchiaino di Curcuma
  • 1 macinata generosa di Pepe nero
  • 2 pizzichi di Sale fino
  • Olio extravergine di Oliva

Preparazione

  • 1)

    Pelare gli spicchi d’aglio, privarli del germoglio (anima) centrale e tritarli finemente (se avete uno spremiaglio è meglio).

    Mettere la carne in una boule, salare e pepare e aggiungere tutti gli ingredienti tranne l’olio. Impastare con molta cura affinché tutto sia ben amalgamato.

    Formare delle piccole polpette, pressando bene la carne, perché non c’è nessun legante (tipo uovo, ad esempio), e se non vengono pressate bene in cottura si apriranno.

    Scaldare abbondante olio extravergine di oliva in una padella ampia, cuocere le polpette facendole rosolare per circa 5 minuti, aggiungere 100 ml di acqua e continuare la cottura per 10 minuti.

    Trasferire le polpette su carta assorbente e mangiare calde. Si conservano sott’olio in Tunisia, di solito nell’olio di cottura, ma io ho utilizzato dell’olio nuovo.

    Ad ogni buon conto, dubito che le conserverete, il profumo è tale che le mangerete tutte.

Nota

Ovviamente se non avete problemi di fiatella, se non dovete incontrare fidanzati, amanti o amici per i successivi 3 giorni dall’averle mangiate, potete sempre provare la ricetta originale che prevede 8 spicchi di aglio. Terrete lontane anche le zanzare e probabilmente i caimani.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Recipe Next Recipe