Brownies

25 gennaio 2018Valentina
Blog post

Prep time: 15 minutes

Cook time: 30 minutes

Serves: 2

Calories:

I brownies sono la risposta americana ad un dolce francese che si chiama moelleux au chocolat. Si tratta di una torta al cioccolato molto morbida, dalla consistenza corposa, chewy come dicono in America, elastica, e con l’interno fudgy come dice Martha Stewart, umido e quasi budinoso, ricoperta da una crosta lucida che, se fatta bene, non ha bisogno di essere nascosta da zucchero a velo.

Il nome brownie è dato dal colore, essendo composto essenzialmente da cioccolato fondente e cacao. Esiste anche la versione col cioccolato bianco e le noci pecan, frutto secco tipicamente americano, e indovinate un po’ come si chiama? Blondie, naturalmente! E poi esiste la versione fatta con il Thè Matcha, che io detesto, i Greenies, ça va sans dire.

Oggi vi propongo la ricetta originale americana per preparare dei brownies perfetti. Raramente mi autoincenso, ma stavolta consentitemelo.

Per tanto tempo mi ero affidata alla ricetta del libro Le Ricette di Culto di New York, ma da quando ho scoperto la ricetta di Martha Stewart, ebbene non la lascio più. Delle ricette di culto conservo solo la procedura finale prima di infornare la teglia, ossia accarezzare la superficie, sfiorandola, con le mani bagnate. Questo conferisce ai brownies una crosticina lucidissima.

Come ho tenuto a precisare nelle note però, ho diminuito drasticamente la quantità di zucchero presente nella ricetta della Martha, perché 1 cup di zucchero semolato e una di zucchero di canna, erano davvero troppe. Con esperimenti nel tempo ho decretato che 180 grammi di zucchero, sia esso semolato o di canna (a voi la scelta) erano sufficienti.

Il segreto nella realizzazione di brownies perfetti sta tutto nel lavorare benissimo tutti gli ingredienti, affinché siano ben montati, e di lavorare pochissimo la farina, che va aggiunta rigorosamente come ultimo ingrediente. I brownies non prevedono assolutamente l’utilizzo di lievito. E inoltre è necessario procurarsi una teglia delle dimensioni giuste, 20×20 cm non di più, per le dosi degli ingredienti che vi ho indicato. E’ solo in questa maniera che potete stare certi di avere i brownies dell’altezza e consistenza e umidità giuste. Anzi, perfette!

Vi invito, se avete padronanza con la lingua inglese, a leggere questo articolo presente sul sito di Martha Stewart, sulla differenza tra i cakey brownies e i fudgy brownies, cliccando qui.

Print Recipe

Brownies di Martha Stewart

  • Prep time: 15 minutes
  • Cook time: 30 minutes
  • Total time: 1 hour
  • Serves: 2

Cubetti di scioglievolezza al cioccolato, ecco cosa sono i brownies, made in USA.

Ingredienti

  • 110 grammi di Burro
  • 180 grammi di Zucchero di canna chiaro
  • 170 grammi di Cioccolato fondente
  • 30 grammi di Polvere di Cacao amaro
  • 120 grammi di Farina tipo 00
  • 3 Uova grandi
  • 1 pizzico di Sale fino

Preparazione

  • 1)

    Sciogliete a bagnomaria il burro con il cioccolato mescolando solo alla fine per rendere il tutto liscio e vellutato.

    Versare il cioccolato sciolto in una boule e aggiungere lo zucchero mescolando bene con una frusta a mano o una marisa (per questa preparazione non occorre una planetaria, meno si impasta e meglio è, come per i muffins). Aggiungete le uova, una per volta, poi il cacao ed infine il pizzico di sale. Unite la farina setacciata e mescolare tanto quanto basta affinché sia incorporata all’impasto e non più distinguibile.

    Scaldate il forno a 170°C (dipende dal vostro forno, non deve mai arrivare a 180 gradi, mi raccomando) in modalità statica e foderate con carta forno uno stampo quadrato dai bordi alti di 20cm.

    Mettete il composto nello stampo, accarezzatelo sfiorandolo con le mani bagnate e infornate per 25/30 minuti, facendo la prova dello stuzzicadenti: se lo inserite nel centro della torta non deve uscire pulito ma dovrebbero rimanerci attaccate delle briciole o del cioccolato, insomma non deve venir fuori pulito.

    Lasciate raffreddare nello stampo per 10 minuti, poi trasferite tutto compresa la carta forno su una gratella fino a completo raffreddamento. Dopodiché tagliate il composto con un coltello seghettato per il pane in quadrotti della dimensione che volete.

    Se messi in un contenitore ermetico, i brownies si conservano fino a 3 giorni (voglio ridere, voglio!).

Note

La ricetta è di Martha Stewart presa dal libro American Food. La quantità da lei indicata di zucchero (oltre 300 grammi tra zucchero semolato e zucchero di canna) era per me eccessiva e preferendoli quasi amari, utilizzando anche un extra fondente, lo ho ridotto a poco più della metà (180 grammi) utilizzando il solo zucchero di canna.

Se volete, potete aggiungere 70 grammi di cioccolato fondente spezzettato all’impasto. Ma è un in più francamente evitabile. Però si può fare!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Recipe Next Recipe