Gambas a l’ajillo

29 agosto 2018Valentina
Blog post

Prep time: 15 minutes

Cook time: 20 minutes

Serves: 2

Ho amato da sempre la Spagna e continuo ad amarla anche se, dopo il mio ultimo viaggio a Madrid non ci sono più tornata. La ho amata al punto tale che, pur essendomi fatta condizionare da una amica di mia zia nella scelta della seconda lingua da studiare all’Università (il tedesco, maleTetto) a discapito dello Spagnolo, quando sono venuta a Roma ho pagato di tasca mia un corso all’Instituto Cervantes per imparare questa lingua tanto bella.

Il fatto però che ad oggi io abbia quasi dimenticato del tutto il tedesco e anche lo spagnolo, è solo una appendice trascurabile 🙂

In Spagna ho fatto i miei primi 2 tatuaggi, nel Barrio de Chueca, il quartiere gay e alla moda di Madrid: la fatina che svolazza su una rosa dietro la spalla destra e il mio nome scritto in cinese sulla caviglia destra (sì, prima che me lo chiediate, ho fatto leggere a un cinese cosa ci fosse scritto e non è “scemo chi legge” ma effettivamente il mio nome).

In Spagna ho imparato ad apprezzare la paella autentica, non quelle zoze surgelate che si trovano in Italia, ho scoperto l’equivalente del Mc Donald’s spagnolo, il Museo del Jamon, dove ho mangiato, innamorandomene, le croquetas de jamon, crocchette di patate al prosciutto ma soprattutto ha avuto inizio la mia storia d’amore con i gambas a l’ajillo, letteralmente i gamberi all’aglio.

La ricetta in sé per sé è facilissima, fatto sta che io ero convinta che si preparassero in padella, e ci ho provato diverse volte. Eppure avrei dovuto ricordare che a tavola venivano serviti in questi coccetti marroni di terracotta, di cui ho casa piena. E così, alla fine, disperata, ho pensato di prepararli al forno. Eureka! Ho ottenuto i gambas uguali identici a quelli spagnoli.

Non immaginate che soddisfazione, soprattutto quando dopo averli preparati, ho sottoposto alla mia amica Silvia de Lucas Rivera la fotografia del risultato finale, chiedendole come ero andata, e lei ha risposto in toni entusiastici!

La ricetta è facilissima, basta avere gamberi di prima qualità e molto freschi. Oramai lo sapete che io gamberi non ne uso, preferendogli le mazzancolle. E’ risaputo che, in cottura, gamberi, gamberetti, gamberoni e mazzancolle si riducono, perciò per avere gamberi che in bocca diano una qualche soddisfazione e non diventino lillipuziani, le mazzancolle sono il formato ideale.

Chiaramente è inutile che io vi dica che, come dice il nome stesso del piatto, Gamberi all’Aglio, sarebbe bene evitare incontri amorosi, o primi appuntamenti dopo aver gustato la pietanza. Anche se l’anima degli spicchi d’aglio viene tolta, il profumo impegnativo rimane. Io sinceramente me ne frego. Serviteli con una baguette, perché in questo caso la “puccia” è un obbligo.

Print Recipe

Gambas a l'ajillo

  • Prep time: 15 minutes
  • Cook time: 20 minutes
  • Total time: 35 minutes
  • Serves: 2

Antipasto spagnolo di ogni locale che si rispetti, ovunque andiate li trovate a menù. Ordinateli se vi trovate in Spagna, o fateli a casa se avete voglia di un piatto piccantino ma buonissimo.

Ingredienti

  • 24 Mazzancolle
  • 80 grammi di Burro
  • 2 cucchiai di Olio extravergine di Oliva
  • 2 Peperoncini rossi piccoli
  • 1 mazzetto di Prezzemolo
  • 1/2 cucchiaino di Pepe rosa in grani
  • 8 spicchi di Aglio
  • Sale fino

Preparazione

  • 1)

    Preriscaldate il forno in modalità statica a 200°C.

    Pulite le mazzancolle, togliendo il carapace, la testa e le zampette e praticando un taglio sulla schiena molto superficiale per rimuovere il filino nero (è l’intestino).

    In ciascuno dei coccetti di terracotta come quelli nelle foto a corredo della ricetta, sistemate 40 grammi di burro, un cucchiaio di olio extravergine di oliva, 4 spicchi di aglio privati dell’anima interna e tagliati in fettine, un peperoncino tagliato anch’esso a rondelle. Mettere i coccini in forno e far cuocere (sì, senza gamberi) per circa 12 minuti. Il burro si scioglierà e si fonderà con l’olio, aromatizzandosi con aglio e peperoncino.

    Trascorso questo tempo, tirate fuori i coccini dal forno, aggiungete 12 mazzancolle in ciascuno. Regolate di sale e spolverate con il prezzemolo tritato, quanto ve ne piace. Aggiungete qualche grano di pepe rosa e infornare per 8 minuti circa, abbassando la temperatura del forno a 180°C.

    Servire caldi, appoggiando il coccio incandescente in un piatto da portata e accompagnare con baguette necessarie per la scarpetta.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Recipe Next Recipe