Maodou – Edamame al Vapore

27 Settembre 2017Valentina

Quella di oggi non è una ricetta vera e propria ma un suggerimento per uno snack alternativo, da sgranocchiare davanti la TV, con una birra ghiacciata alla maniera giapponese. Eh sì, perchè questo snack fa anche bene, a differenza di tutte quelle patatine, popcorn e arachidi di cui sono solita nutrirmi io per prima, e scommetto anche voi.

Si tratta degli Edamame che in Cina, Giappone, a Taiwan, costituiscono lo snack per eccellenza, quell’ammazzafame che ti servono al ristorante, ancora tanto fumante da ustionarsi le dita, in attesa di un Ramen o di generosi porzioni di dim sum, cosparsi di semplice sale grosso, e cotti al vapore. In lingua cinese, questa preparazione è conosciuta col nome di Maodou. In Giappone utilizzano un sale apposito, il Sale Arajio ma per prepararli possiamo utilizzare un semplicissimo sale grosso, o fiocchi di Sale Maldon.

Ma che cosa è questo Edamame? Si tratta di baccelli acerbi di soia, lunghi non più di 4 cm, e che contengono dai due ai tre “fagioli” in tutto. Si cuociono al vapore, e i baccelli non si mangiano, anche se la sua forma così perfetta da sembrare disegnata, inviti a mangiarli. I “fagioli” hanno un sapore dolciastro, simile a quello dei piselli, e si consumano solo cotti e possibilmente tiepidi.

Con la parola Edamame si indica sia il baccello (il cui nome è composto da “eda-” che significa radice e da “-mame” che si traduce in fagiolo), sia il piatto di cui vi dicevo sopra, cotti al vapore e conditi con solo sale grosso. In lingua cinese, questa preparazione è conosciuta col nome di Maodou.

Sempre in Giappone, è stato creato un giocattolo (simile ad un antistress) chiamato Bandai che riproduce il baccello: l’obiettivo del gioco è far uscire i fagioli dal baccello con una leggera pressione delle dita.

In Italia li commercializza solo una azienda, La Orogel, che coltiva la soia sul Delta del Po, e li vende, surgelati, sia col baccello che già sgranati.

Vi vorrei infine far notare che da noi, se vai al ristorante cinese, il massimo che ti offrono sono quelle Nuvole di Drago, che se ti va bene sembrano polistirolo soffiato, se ti va male spugnette Spontex rigenerate!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricetta Precedente Prossima Ricetta