Sardenaira

2 Settembre 2017Valentina

Prep time: 2 Ore

Cook time: 30 Minuti

Serves: 4

La Sardenaira, che ho conosciuto grazie all’amica Fausta Lavagna, è una ricetta tipica sanremasca, un gioiello, un fiore all’occhiello della gastronomia locale, che dal 9 ottobre 2014 ha il marchio di de.co. (denominazioni comunali), giusto riconoscimento per un prodotto entrato nel cuore dei sanremesi. Il marchio De.Co. lo conferisce la Confartigianato per tutelare e promuovere tutti i prodotti locali, legati alla tradizione ed alla cultura di un territorio. La ricetta e la preparazione della Sardenaira sono regolamentate da un disciplinare visualizzabile cliccando qui.

Farina, olive taggiasche, «pumate» o pomodori, acciughe, capperi, aglio, origano, olio extravergine d’oliva e sale sono gli ingredienti base di questo «pane del marinaio». Guai a chiamarla pizza o focaccia rossa!

Confesso che la prima volta che ho letto il nome della Sardenaira, ho pensato “Ma cosa diamine è? E perchè Aifb ha deciso di festeggiarla proprio il giorno del mio compleanno?” e siccome non amo nemmeno particolarmente le acciughe, non ero proprio convintissima di volerla preparare, nonostante le amiche Sara e Lucia me ne avessero decantato le meraviglie, dal profumo, all’impasto al sapore, alla morbidezza. Poi la ho fatta (e rifatta) e ho pensato che la avrei voluta addirittura come torta di compleanno, considerato anche che io preferisco di gran lunga il salato al dolce.

La Sardenaira è soffice più di un Pan di Spagna, si ha la sensazione di addentare una nuvola, il profumo è inebriante e si spande per casa anche con la porta del forno chiusa.

Stampa la Ricetta

Sardenaira di Sanremo

  • Prep time: 2 hours
  • Cook time: 30 minutes
  • Total time: 2 hours 30 minutes
  • Serves: 4

Una morbidissima focaccia tipica di Sanremo, ma guai a chiamarla pizza rossa meno che mai focaccia rossa. Ricordate e imparate questo nome, Sardenaira: la amerete!

Ingredienti

Per l'impasto

  • 285 grammi di Farina tipo 00
  • 125 grammi di Acqua tiepida
  • 6 grammi di Lievito di birra fresco
  • 5 grammi di Sale fino
  • 30 ml di Olio extravergine di Oliva

Per il condimento

  • 80 grammi di Passata di Pomodoro
  • Olio extravergine di Oliva
  • Sale fino
  • 20 grammi di Capperi sotto aceto
  • 15 Acciughe sott'olio Rizzoli Emanuelli
  • 100 grammi di Olive taggiasche
  • 4 spicchi di Aglio
  • Origano, secco e fresco
  • Pomodori Ciliegino
  • 4 Cucunci

Procedimento

  • 1)

    Sulla spianatoia o in una larga ciotola fate la fontana con la farina, intiepidite l’acqua e sciogliervi il lievito e il sale, dopo di che versatelo al centro della fontana.

    Aggiungete l’olio, incorporate a poco a poco la farina e iniziare ad impastare. Si deve ottenere un impasto morbido ed elastico leggermente untuoso.

    Lasciate lievitare la focaccia al coperto (il tempo di lievitazione dipende dall’ambiente e dalla stagione) sino a che si raddoppia.
    Stendere l’impasto con le dita nella teglia oliata, cospargerlo con abbondante sugo e decorare con acciughe, aglio, capperi, origano secco, sale, un filo d’olio e le olive nere.

    Lasciate lievitare con il sugo sopra ancora per una decina di minuti e infornate a 180°C in modalità statica per circa 25/30 minuti.

2 Comments

  • Simo

    6 Novembre 2017 at 10:40

    Questa la adoro, ci credi che ne mangerei a iosa, senza smettere mai?!
    ….ahahahaha sono irrecuperabile lo so…le tue foto sono talmente invitanti che vien voglia di rubarne un pezzo dal pc 😉
    bacione

    1. Valentina

      6 Novembre 2017 at 14:53

      Da quando la ho preparata e gustata, ti credo eccome, eppure, come avevo scritto su facebook, non ci avrei scommesso un centesimo, perchè non amo le acciughe. Ma la Sardenaira è eccezionale!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricetta Precedente Prossima Ricetta