Zeppoline di Mazzancolle allo Zenzero

28 Dicembre 2017Valentina

Prep time: 1 Ora 15 Minuti

Cook time: 10 Minuti

Serves: 6

Solitamente il 31 di Dicembre, perlomeno a casa mia, ovunque ci si riunisca, che sia da me, da mia zia o a casa di mia madre, siamo talmente tanti che seppur avendo tutte case enormi, i tavoli non bastano mai. E così si finisce sempre per optare per buffet, riccamente allestiti e strabordanti di cibo, da cui ognuno può attingere, appoggiando i piatti un po’ ovunque, dai tavolini alle mensole, alle credenze… e il sottofondo è di preghiera che quanto nel piatto, senza la stabilità del tavolo, non finisca inevitabilmente sui divani.

Quest’anno più che mai siamo da mia mamma, sarà il primo Capodanno con la piccola Vittoria e stiamo da almeno un mese a discutere su una chat di Whatsapp su chi fa cosa e soprattutto su COSA si fa. Quest’anno l’eredità dei panzarotti di mia nonna passa a me. Mia cugina Eleonora che aveva preso l’incarico di farli, quest’anno non riesce a far lievitare nulla, e quindi partirò prima del sorgere del sole da casa mia con la Kitchen Aid sotto il braccio e trascorrerò la vigilia impastando panini napoletani, danubi, porcone e panzerotti.

Qualcosa di pesce ci sarà sempre, altrimenti per me e mio zio Rino non sarebbe vigilia, quindi di sicuro qualcuno preparerà il polpo all’insalata, e io ho pensato di proporre, insieme al brindisi di aperitivo e di apertura del buffet, queste mazzancolle intinte nell’impasto delle paste cresciute (le zeppoline napoletane), aromatizzato allo zenzero fresco. Le ho provate, sperimentandole, la Vigilia di Natale, che mai come questa volta è stata un momento di prova di ricette nuove da poter sottoporre al conclave per l’approvazione del menu del buffet del 31.

Amo lo zenzero, è rinfrescante, digestivo, e lo adoro col pesce, ma non è di certo una scoperta mia eh! Avevo preparato una pastella simile, meno densa e non lievitata, per preparare in passato delle bacchette di pollo, e la pastella era al profumo di zenzero, sia fresco che in polvere. Stavolta ho voluto inserire un elemento napoletano, le “paste crisciute“, aromatizzando quell’impasto con lo zenzero solo fresco, e passandoci le mazzancolle, pulite completamente da intestino, testa e carapace, con la sola eccezione dell’ultima “coccia” dove è attaccata la coda, che durante la frittura per altro, si è aperta a mò di ventaglio, rendendole davvero carinissime.

Ne ho lasciate alcune al naturale e altre le ho passate velocemente nei semi di sesamo prima di friggerle e le ho servite accompagnandole con il prosecco ghiacciato e devo dire che avrei continuato a mangiare solo questo, saziandomi.

Chissà se le preparerete per il vostro aperitivo, per il brindisi che apre le vostre cene di fine anno, nel caso fatemi sapere. Cin cin e buon anno nuovo a tutti!

Stampa la Ricetta

Zeppoline di Mazzancolle allo Zenzero

  • Prep time: 1 hour 15 minutes
  • Cook time: 10 minutes
  • Total time: 1 hour 30 minutes
  • Serves: 6

Una frittura leggerissima, di mazzancolle profumate allo zenzero, adattissime come finger food per il brindisi di Vigilia!

Ingredienti

  • 5 grammi di Lievito di Birra fresco
  • 1 bicchiere di Acqua tiepida
  • 200 grammi di Farina tipo 00
  • Acqua tiepida qb
  • Sale fino
  • 3 cm di Radice di Zenzero fresco
  • Pepe Bianco
  • 600 grammi di Mazzancolle

Procedimento

  • 1)

    Far sciogliere il lievito di birra in mezzo bicchiere di acqua tiepida, versarlo sulla farina e allungare con altra acqua fino a ottenere una pastella densa, ma non compatta! Aggiungere la radice di zenzero, spellata e grattugiata con una Microplane, poco sale fino e una macinata di pepe bianco.

    Coprire con pellicola alimentare trasparente e lasciar lievitare a temperatura ambiente per circa un’ora e mezza.

    Sgusciare intanto le mazzancolle, privandole della testa e dell’intestino, lasciando solo il pezzetto di coda. Passarli nella pastella tenendoli per la coda, cospargere con poco sesamo (potete anche evitare il sesamo) e tuffarli nell’olio bollente, fino a quando saranno leggermente dorati.

    Lasciarli sgocciolare su della carta da cucina e salare leggermente.

Notes

Un intingolo che sta bene con questa preparazione si può preparare con salsa di soia, acqua e miele fatti ridurre insieme (un terzo di salsa di soia, un terzo di miele e un terzo di acqua).

2 Comments

  • Simo

    28 Dicembre 2017 at 15:17

    Valeeeeee
    di queste potrei mangiarne a chili, senza smettere mai!
    Che delizia….
    Buon anno amica!

    1. Valentina

      29 Dicembre 2017 at 7:39

      Auguri anche a te tesoro 🙂

Comment ReplyCancel Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricetta Precedente Prossima Ricetta