Zhenzhu Wanzi (Pearl Meatballs)

26 Maggio 2021Valentina

Prep time: 12 Ore 20 Minuti

Cook time: 25 Minuti

Serves: 4

Per la pronuncia, citofonare La Piccola Quaglia.

Oramai, dopo il suo video dello spiegone sui vari tipi di ravioli cinesi, con cognizione di causa e non per saccenza acquisita come molte predicatrici del web, Ilaria è la mia fonte ufficiale di “oriente”. Dall’ingrediente, al nome esatto, dall’usanza tradizionale alla pronuncia, mi rivolgo a lei. Così come per l’India mi rivolgo ad Erika e a Niraj o ad indiani veri, e per la Thailandia a Vaty.

Però queste polpette, il cui nome si scrive così 珍珠丸子, Ilaria non le conosceva (ancora) e credo che non passerà tempo che le preparerà anche lei, con un preambolo più erudito di questo che sto scrivendo io, e ciao.

Io le ho scoperte sul blog di Giovanna Hoang, che di origine è vietnamita, ma le polpette, che vi autorizzo a chiamare Pearl Meatballs, come sono conosciute in tutto il mondo, sono cinesi. E il riso che si utilizza per la “panatura” esterna, è giapponese. Tutto chiaro, no?

Giovanna le aveva preparate qualche mese fa per la piccola Isabella, che avendo la fortuna di essere figlia di cotanti genitori (se Giovanna è la blogger top di gamma che tutti conosciamo, è tra gli ideatori di Fuudly, di rara bravura e gentilezza, anche suo marito Luigi non è da meno in quanto maestro di bbq e di cotture sottovuoto e cintura nera di risotti, e scusate se è poco), aveva colorato il riso glutinoso di giallo attraverso l’utilizzo della curcuma, e alla fine le aveva decorate con buffissimi occhiatti edibili per renderle ancora più fiabesche per la sua piccolina.

Ho approfittato dell’arrivo del riso perfetto per questa preparazione di cui sono stata omaggiata da Arnaboldi, e mi sono decisa a preparare anche io le Pearl Meatballs, senza colorarle con la curcuma, ma aggiungendo un pizzico di curry verde in polvere all’acqua di ammollo del riso, senza occhietti, ma ugualmente saporite, da farci il bis.

Anche se il nome del riso da sushi è riso glutinoso, non contiene affatto glutine. Viene anche detto riso appiccicoso, ceroso e riso perla (ecco qua il perché del nome delle polpette “perlate”). Essendo privo di una delle due componenti dell’amido, venendo a mancare questo elemento, che si chiama amilosio, resta solo la componente appiccicosa che si chiama amilopectina, e dopo la cottura questo riso si può plasmare a proprio gusto. Fine della parentesi Mondo di Quark che ogni tanto mi assale e torno scema. Il riso da sushi, o glutinoso è quel riso che vedete nelle deliziose Bento Box giapponesi, che le mamme preparano ai figli per la scuola, dandogli forma di orsetto addormentato con la copertina di frittata e l’occhio chiuso creato tagliuzzando un foglio di alga nori, per capirci. Nessun artificio, solo riso glutinoso. Ed è chiaramente il riso che si utilizza per il sushi.

A casa ce ne siamo innamorati letteralmente. Il metodo di cottura al vapore, di un brodo che preparate un po’ alla come vi pare a voi, o anche solo di acqua in ebollizione, le ha rese anche leggere. Ma la cosa che sorprende di più è la magia vera e propria creata dal riso, che le riveste senza staccarsi, le avvolge come un maglioncino aderente. Io poi adoro la carne trita di maiale, la trovo proprio adatta perché non diventa stopposa come quella di manzo, e non sa di bestia come quella di pollame. E poi beh, in Cina si usa tantissimo, anche nel ripieno dei miei amati ravioli alla griglia (rivolgetevi sempre alla suddetta Piccola Quaglia per nome proprio e pronuncia), che presto mi accingerò a preparare in casa, dopo il riuscitissimo esperimento degli Xiao Mai.

Per questa preparazione vi occorre preparare tutto la sera prima, sia la farcia per le polpette sia soprattuytto il riso. Dopo averlo infatti sciacquato molto bene, va messo a mollo per una notte intera, in frigorifero, in acqua semplice o aromatizzata con la spezia che più vi piace. Giovanna Hoang, come vedete nel suo blog, ha usato la curcuma che ha tinto il riso di giallo, io ho usato polvere di curry (verde), per un mero aroma. Ma la “tintura” non è necessaria. L’ammollamento in frigorifero del riso è la ragione per cui i tempi di preparazione sono di 12 ore e passa.

Il riso per sushi, così come moltissimi altri ingredienti, potete trovarlo online sull’e-shop di Arnaboldi, dove vi ricordo, che potete usufruire di uno sconto del 15% sul totale, utilizzando il codice a me dedicato PROFUMODILIMONI15.

P.s. Questi piattini deliziosi, che ho comprato all’Ikea, fino a ieri ho pensato fossero con il decoro di prezzemolo. Poi la Bertuzzi mi ha detto che sono molto più romanticamente foglie di gingko. Mi perdonerete, ma per me restano i piattini col prezzemolo.

Stampa la Ricetta

Zhenzhu Wanzi

  • Prep time: 12 hours 20 minutes
  • Cook time: 25 minutes
  • Total time: 12 hours 45 minutes
  • Serves: 4

Polpette avvolte da riso glutinoso, da cuocere al vapore. Basta solo avere l'accortezza di mettere a bagno il riso la notte prima in frigorifero, e poi utilizzarlo come il pangrattato per "panare" le polpette.

Ingredienti

  • 150 grammi di Riso per Sushi , io Arnaboldi
  • Acqua tiepida
  • 1 cucchiaio di Curry in polvere, io verde, ma è opzionale
  • 500 grammi di Macinato di Maiale , magrissimo
  • 5 cm di Radice di Zenzero fresco, grattugiata
  • 1 spicchio di Aglio, grattugiato
  • 2/3 Cipollotti freschi, gambo incluso, tritati a coltello
  • 4 Funghi Porcini secchi, rinvenuti in acqua bollente, strizzati e tritati
  • 1/2 cucchiaino di Zucchero di canna
  • 1 pizzico di Sale fino
  • 2 cucchiai di Salsa di Soia, io senza glutine
  • 1 cucchiaio di Fecola di Patate, potrebbe volercene di più a seconda della carne che usate
  • 1 cucchiaio di Olio di Sesamo, potete non metterlo, ma dà sapore di oriente
  • Pepe bianco in polvere, a sentimento

Preparazione

  • 1)

    Sciacquare il riso per sushi sotto acqua corrente in un colino a maglia fitta fino a che l’acqua non sarà trasparente.
    Sistemare il riso in una ciotola con un cucchiaio abbondante di polvere di curry e ricoprirlo con acqua tiepida. La polvere di curry è a vostra discrezione, quindi opzionale, sia nel tipo che nel metterla o meno.
    Riporre la ciotola in frigorifero per una notte intera.

    Il giorno successivo preparare l’impasto per le polpette mescolando la carne trita di maiale con lo zucchero, il sale fino, i funghi porcini essiccati rinvenuti in acqua bollente e tritati a coltello, i cipollotti tritati a coltello, gambi inclusi, lo zenzero sbucciato e grattugiato, lo spicchio d’aglio grattugiato (o schiacciato con l’apposito spremiaglio), la salsa di soia, il pepe, l’olio di sesamo e la fecola.

    A seconda di quanto morbida sarà la carne, la fecola potrebbe non essere sufficiente, ed in quel caso ne va aggiunta dell’altra, dosata però poco per volta.

    Formare delle piccole polpette di circa 25/30 grammi ciascuna.

    Scolare il riso dall’acqua di riposo, sgranarlo con una forchetta ed usarlo per panare le polpettine.

    Cuocere le polpette così composte al vapore, posizionandole in cestelli di bamboo, ricoperti da fogli di carta forno bucherellati (o i fogli appositi forati, adatti alla cottura a vapore).
    Il vapore può essere indifferentemente di sola acqua, oppure potete creare un brodo più o meno aromatizzato con gli stessi odori utilizzati per il ripieno delle polpette. Io ho preparato un brodo veloce di curry, zenzero e bucce di cipollotti.

    La cottura dipende da quanto grandi avrete fatto le polpette, ma va comunque da un minimo di 15 minuti ad un massimo di 25 minuti.

    Le polpette, che vanno mangiate calde, possono essere mangiate così come sono o pucciate in salsa di soia densa.

Note

Tempi di riposo: 12 ore

Siccome il riso va fatto riposare in frigorifero una nottata intera, io ho preparato anche l’impasto delle polpette a sera prima e fatto riposare chiuso in un contenitore ermetico, in frigorifero. Questo passaggio ha accentuato la mescolanza dei sapori delle varie componenti delle polpette.

Dovrete procurarvi un attrezzo per la cottura al vapore delle polpette. Usate un cestello di bamboo multipiano come il mio o uno scolapasta foderato, ma vanno cotte al vapore!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricetta Precedente Prossima Ricetta